Racconti

Racconto: “Fino a dieci” di Andrea Cardoni

Io non ciò paura. Io devo pensare a una cosa bella. Io ciò il fastidio. Sono le punture che fanno il fastidio. Anzi è il fastidio di avere fastidio delle punture. E comunque la paura non c'entra niente. Frugapani dice che sei tu su un letto con le ruote e entri dentro a questa stanza… Continue reading Racconto: “Fino a dieci” di Andrea Cardoni

Advertisements
Racconti

Racconto: “L’ora esatta” di Diletta Crudeli

La prima volta che accadde fu proprio di fronte ai suoi occhi. Stava disegnando triangoli piccoli e grandi sulla tovaglietta di carta gialla del bar, e in seguito si sarebbe sempre chiesto se fosse stata colpa sua, se fossero stati quei triangoli incastrati uno con l’altro a richiamare quella cosa su di loro. L’orologio sopra… Continue reading Racconto: “L’ora esatta” di Diletta Crudeli

Racconti

Racconto: “L’inferno è di qua dallo specchio” di Michele Giordani

Li privò di forza e figura propria, riducendoli a meri riflessi servili. Un giorno, tuttavia, essi si scuoteranno da questo letargo magico. J. L. Borges “Animali degli specchi”, in Manuale di zoologia fantastica La tortura peggiore è doverti fissare negli occhi quando tu mi guardi in faccia. Per il resto, ti spio, imparo le tue… Continue reading Racconto: “L’inferno è di qua dallo specchio” di Michele Giordani

Racconti

Racconto: “Chissà se va” di Giuseppe Fabrizio Ernesto Coco

- In questo sacco c’è la gamba, cosa ne volete fare? Qualcuno è venuto a cercare la propria, per poterla sotterrare in una piccola bara. Se non la volete la smaltiamo nell’inceneritore. Suor Olimpia con la sua voce nasale e le sembianze di un roditore aspetta la risposta, mentre l’ascensore vi porta al secondo piano.… Continue reading Racconto: “Chissà se va” di Giuseppe Fabrizio Ernesto Coco

GORILLA SAPIENS EDIZIONI

Volevo fermarmi a tre righe ben scritte. 150 microfinzioni

Cover Volevo fermarmi a tre righe_fronteÈ in uscita per Gorilla Saspiens Edizioni il mio nuovo libro: Volevo fermarmi a tre righe ben scritte. 150 microfinzioni.
Il libro è il risultato finale della serie di racconti 1 al giorno” e include, in appendice, una selezione di Cose da dire in società.

La copertina è di Lucamaleonte.

Di seguito il testo della quarta di copertina e il racconto che dà il nome alla raccolta.

Il libro
Un racconto al giorno per sei mesi, due semplici regole: scrivere in prima persona, non superare le 1000 battute. Nascono così queste 150 microfinzioni, in cui io e realtà si moltiplicano vertiginosamente.
Confermando il suo gusto per il gioco letterario, Sperduti ci propone una collezione di racconti-lampo in cui tutto è possibile: da un minuscolo dio degli insetti alla messa in discussione delle leggi della fisica, da marchingegni che ridisegnano la realtà a calembour che si materializzano creando…

View original post 148 more words

Racconti

Racconto: “Nuove foglie” di Silvano Baldi

1 La signora Lia urlava sempre. Quel dì s’era alzata con un terribile mal di stomaco. Suo nipote, Romano, le stava dietro, era piccolo, indifeso. La domenica a Palermo è strana. Non ci sono troppi rumori, ho magiato col mio amico Nino. È stata una giornata piacevole, senza troppi scossoni… Sto realizzando che mia madre… Continue reading Racconto: “Nuove foglie” di Silvano Baldi

GORILLA SAPIENS EDIZIONI, Racconti

Racconto: “Alba” di Paola Basile

Il lutto è una cosa, una pallina nera, un piombino che hai ingoiato per errore. La massa volumica o densità del lutto ci dice che esso è piuttosto un fluido (incapace di sopportare uno sforzo di taglio). Fugge e pervade, languido, ma è una fitta una stilettata e ancora un risveglio. Violento e fraterno. Una… Continue reading Racconto: “Alba” di Paola Basile

Racconti

Racconto: “Il gigante nano” di Angelo Zabaglio

Ogni giorno uscendo da scuola, i bambini andavano a giocare nel giardino del gigante nano. Il gigante nano era un gigante cattivo alto circa un metro e ottantacinque che spaventava i bambini perché era un gigante cattivo nonostante fosse nano. Nel suo giardino era sempre inverno tranne in quei pochi minuti che erano riusciti a… Continue reading Racconto: “Il gigante nano” di Angelo Zabaglio

GORILLA SAPIENS EDIZIONI

Gorilla Sapiens Edizioni: alla scoperta di scrittori emergenti

Il mestiere di scrivere

Prosegue lo nostra inchiesta sul panorama editoriale italiano con una intervista a Gorilla Sapiens una dinamica e indipendente casa editrice romana molto attenta al settore degli autori emergenti.

Partiamo dalla fine. Qual è il vostro ultimo libro in uscita? In che modo rappresenta la vostra linea editoriale?

La nostra ultima uscita è la serie in cinque volumi illustrati “Gargantua e Pantagruele” di Rabelais, nella superba traduzione di Augusto Frassineti (precedentemente edita da Rizzoli). Fino a questa pubblicazione, ci siamo sempre occupate di narrativa italiana emergente, soprattutto raccolte di racconti, non di genere, e spesso di taglio umoristico (ma non solo). La scelta di affrontare un grande classico come Rabelais ci è sembrata naturale, lo riteniamo una sorta di nume tutelare nostro e di molti nostri autori. Tra pochissimo invece riprenderemo con le pubblicazioni di autori italiani, ripartendo proprio da due già presenti nel nostro catalogo: Davide Predosin (che con noi…

View original post 517 more words

GORILLA SAPIENS EDIZIONI

Le risposte di Mastro Intruglia, filosofo efettico e pirronista

Da Gargantua e Pantagruele, Libro III, Capitolo XXXVI Continuazione delle risposte di Mastro Intruglia, filosofo efettico[1] e pirronista (trad. Augusto Frassineti, Gorilla Sapiens Edizioni 2018)   «Voi parlate armonioso come un organo» disse Panurgo, «ma io credo di essere sprofondato nel pozzo tenebroso nel quale, diceva Eraclito, si nasconde la verità. Io non ci vedo un accidente,… Continue reading Le risposte di Mastro Intruglia, filosofo efettico e pirronista