Uncategorized

“Anche i poeti di vecchia generazione ci marciavano” (Alessandro Sesto)

Quando Saba vedeva una capra davvero
“fuori dai coglioni”, le faceva, e giù pietrate
e Leopardi L’infinito
l’aveva scritto per Siepi e Giardini
poi non si compravano le sigarette, neanche Puskin
andiamo a chiederle a chi non è un poeta
dicevano.
Ariosto non faceva mai il biglietto
ai controlli urlava: “guardate, un ippogrifo!”
e scappava travolgendo le vecchie
mentre i giorni di pioggia D’Annunzio
ascoltava Lady Gaga in cuffia
con la connessione del vicino.
Opportunisti.
A loro difesa però
almeno contavano le sillabe.

Alessandro Sesto

viola 29

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s