Blogorilla Sapiens – Il blog di Gorilla Sapiens Edizioni

Gorilla Sapiens Edizioni è una piccola casa editrice indipendente di Roma (sito ufficiale: www.gorillasapiensedizioni.com). Questo blog raccoglie racconti, articoli, rubriche degli autori Gorilla Sapiens.

Racconto: “Perrier” di Francesco Scarrone

“Togliete la mano da quella rivoltella che portate in tasca, prego.”
“Ma…!”
“Come ho fatto a scoprire ch’eravate stato voi? Niente di più semplice. Avevo sospettato di voi sin dall’inizio, ma non sapevo come aveste fatto a trovarvi in due luoghi contemporaneamente. D’altronde era indubbio che la sera dell’omicidio fossimo seduti a tavola assieme. Vedete, dopo il ritrovamento del cadavere voi eravate parso molto turbato, ma io avevo inizialmente attribuito questo fatto al paté che ci era stato servito durante il ricevimento. Cherchez la femme, si dice. Avendo notato che sul corpo del defunto non vi erano tracce di capelli, la pista sembrava prendere una direzione precisa. Era ovvio che l’assassino non poteva che essere una donna calva. Poi, però, il vostro comportamento mi ha dato da pensare, e quando avete ordinato il caffè, ho capito che di sicuro non si poteva trattare della marchesa De FrisantLulù. D’altronde portate il 44 di scarpe, e come ammesso da voi stesso, vi piace il turchese. Come vedete tutti gli indizi puntano il dito contro di voi. In più, in casa vostra ho visto un geranio! Questo vuol dire una cosa sola: la donna calva siete voi!”
Il commissario Prison e i due gendarmi rimasero immobili, scolpiti nello stupore da tanto schizofrenico acume.
“Bastardo hai rovinato tutto!” disse Valvant strappandosi la parrucca e rivelando il cranio glabro e un seno prominente. “Ma non mi avrete viva!”
In un urlo di vetri esplose contro la finestra, poi una legge fisica della gravità dei corpi la condusse sugli scogli parecchie decine di metri più in basso. Un’onda inorridita si ritirò in risacca.
“Ottimo lavoro, Perrier – disse il commissario – avete risolto il caso!”
“Oh, è stato un caso… Piuttosto, Louis: ce n’è ancora di quel paté?”
“Di paté ce n’è ancora, Perrier, ma io non mi chiamo Louis…”
“Fantastico, allora andiamo a mangiare, Louis.”
“Non mi chiamo Louis…”
“Questo è l’inizio di una bella amicizia, Louis!”
“Vabbè…”
E si allontanarono, Perrier e Prison, nella nebbia del mattino, verso il piede della pagina, dove li attendeva la parola

FINE

(Francesco Scarrone)

VERDE

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on May 3, 2015 by in Racconti and tagged , .
Follow Blogorilla Sapiens – Il blog di Gorilla Sapiens Edizioni on WordPress.com
%d bloggers like this: